Emidio Planamente 's Homepage

Home GNU/Linux Programming Technology Sport Others Contact

Search

  Google linux


Debian

  Apt-get
  Debian Anatomy
  Debian Backports
  Debian Help
  Debian Planet
  Debian Swiss
  History of Debian
  Getdeb
  Kernel
  Kernel 2.6
  Packages
  Refcard for newbie
  Reference book
  SATA raid
  Weekly News


Official Docs

  Distrowatch
  Firewire
  Gimp
  Gimp Photo Archive
  Linuxdoc
  Linuxdoc Reference
  Linux Focus
  Linux From Scratch
  Linux Hacks
  Linux Hardware
  Linux Printing
  MySQL
  O'Reilly
  Rute
  Source Forge
  USB guide


Installation

  Instalinux
  Preseed


Laptop

  Linux on Laptops
  Linux Toshiba
  Tux Mobil


Live-CDs

  Create it Your self
  Knoppix
  Kororaa XGL 3


Pictures

  Bay13
  Gnomelook
  Kuznetsov


Security

  GNU/Linux
  PortsDB


Linux based product

  Dreambox


Free web service

  S5 presents


Against Micro$oft

  Combatti Micro$oft
  Microsuck


HTML validator CSS validator

 

Hacker, non cracker!


Parliamo un po' di hacker!


Il termine hacker viene erroneamente utilizzato per identificare una persona (in genere un mezzo genio del computer) che sfrutta le sue capacitÓ  per impadronirsi del controllo di uno o pi¨ computer. Fatto ci˛, utilizza queste macchine compromesse per scopi illeciti.


Questo genere di persone non ha assolutamente nulla a che fare con gli hacker!


Il termine hacker deriva dagli Stati Uniti. Negli anni 50-60, hacker era semplicemente colui che "strusava", smontava, modificava, migliorava e rimontava un oggetto che poteva essere di qualunque genere. Con il tempo, questo termine entr˛ nel Massachusetts Institute of Technology (MIT) e venne utilizzato per indicare quelle persone che, a volte anche infrangendo le regole del campus, si intrufolavano nei locali dei computer e li utilizzavano per qualunque scopo benevolo. Loro erano dell'idea che computer preziosi come quelli non dovessero restare inutilizzati fuori dagli orari di lavoro.


Oggi, un hacker, Ŕ una persona preziosa, che utilizza le sue conoscenze informatiche ed il suo tempo libero per creare software o migliorare quello esistente. Il tutto viene fatto in genere per passione, gratuitamente e rilasciato sotto una qualche licenza libera.


Il motivo per cui il termine hacker viene utilizzato in maniera impropria Ŕ da imputare all'ignoranza dei mass media. Quest'ultimi, infatti, quando cominciarono a girare i primi virus (tipicamente per Windows) utilizzarono questo termine in maniera superficiale, senza prima informarsi sul suo vero significato. In men che non si dica, come per il nome Linux invece di GNU/Linux, tutti cominciarono ad associare il termine hacker con lo smanettone rinchiuso in una cantina con computer molto costosi che attacca i pi¨ potenti sistemi informatici a scopo di lucro.


Il vero nome di queste persone Ŕ cracker!


Pertanto, diffida di chi usa ancora il termine hacker al posto di cracker, perchŔ mostra di conoscere poco l'argomento sul quale si sta esprimendo.


Emidio Planamente

http://www.planamente.ch



Emidio Planamente

Last modified on 2006-01-25